Sanzioni alla Russia: altre regioni seguono l’esempio del Veneto

Il Nord Italia è contro le sanzioni. In questi giorni i consigli regionali di Lombardia, Liguria e Toscana esamineranno una risoluzione per il riconoscimento ufficiale dello status della Crimea e l’abrogazione di tutte le sanzioni contro la Russia.crimea

Per due anni hanno contato i danni, hanno buttato pesche e mele e hanno aspettato che Roma e Bruxelles si svegliassero. Ora hanno deciso di agire da sole. Le questioni di politica estera sono all’ordine del giorno delle regioni italiane. Oggi i consigli regionali di Lombardia, Liguria e Toscana metteranno ai voti la risoluzione sull’abrogazione delle sanzioni contro la Russia e il riconoscimento ufficiale dello status della Crimea. A maggio un documento simile è stato adottato dalla Regione Veneto.

“27 deputati hanno votato a favore; 9 contro. È stato un grande successo. Ciò dimostra che il Veneto vuole trovare una soluzione al problema che ha danneggiato il nostro rapporto con la Russia e i nostri affari. Vogliamo cercare di ottenere la revoca dell’embargo alimentare, l’abrogazione di tutte le sanzioni e il ripristino dei rapporti commerciali con la Russia”, ha dichiarato il consigliere regionale del Veneto Stefano Valdegamberi.

Si sono dichiarate contrarie alle sanzioni anche altre regioni industriali italiane, come Lombardia, Toscana e Liguria. Queste regioni fruttano allo stato più di un terzo del PIL italiano. Dopo l’introduzione delle sanzioni, l’Italia ha perso 4 miliardi di euro. Alcuni giornalisti hanno confermato che la perdita è maggiore di quanto si pensi e solo negli ultimi sei mesi l’economia del Veneto è stata privata di 1,5 miliardi di euro. Nel 2013 il volume delle esportazioni in Russia ammontava a 10 miliardi di euro. Adesso non arriva a 6. Alcuni settori, per esempio l’esportazione di pesche, hanno ci hanno rimesso più del 70% dei profitti.

 

fonte: Il mondo di Russia

Scrivi on comento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


NOTA BEN: la Botega de Raixe Venete par qualche jorno no sarà ativa: tuti i ordini i vegnerà evaxi da metà setenbre, dopo la Festa dei Veneti 2017 che se tegnerà a Cittadella/Sitadela -PD- el 9 e 10 de setenbre! Te spetemo a la Festa co tuti i nostri prodoti!